A proposito di Crisi

Siri, Obama e il ricordo di Keynes

Siri, Obama e il ricordo di Keynes

La soluzione politica per uscire da questa crisi non può essere l’austerità. Da una depressione non si esce per inerzia. Servono investimenti. Lo Stato deve essere in grado di finanziare l’innovazione per rilanciare l’economia.

Una crisi di qualità

Una crisi di qualità

Siamo abituati a pensare alla crisi economica in termini quantitativi. Crisi come mancanza di risorse e liquidità. Invece dovremmo cominciare a pensare alla crisi in termini qualitativi. I soldi e le risorse ci sono. Solo che oggi sono distribuiti diversamente.

Cent’anni di crisalide

Cent’anni di crisalide

Una crisi non è un ostacolo, qualcosa di negativo, ma bensì qualcosa di positivo, un’opportunità per cambiare le logiche che in passato hanno creato i problemi che ora stiamo vivendo. Molti dei progressi che hanno reso il mondo di oggi un mondo migliore sono nati da una crisi. Mentre, paradossalmente, molti dei fattori che hanno reso il mondo di oggi un mondo peggiore derivano da storie di successo.

Futuro a credito

Futuro a credito

Quello che oggi andrebbe messo in discussione è il paradigma stesso del debito fondato sul godere oggi di un qualcosa che si pagherà in futuro. Il credito, o il debito trasforma il futuro in qualcosa di drogato, qualcosa che da’ dipendenza. Il futuro non si costruisce sugli interessi bancari. Al posto di continuare ad accumulare presente a debito bisognerebbe creare un sistema che permette di accumulare futuro a credito.