Fai Fiorire il Cielo

un libro di Jacopo Perfetti


Libro


01. Di cosa parla il libro?

Un libro che parla di come sviluppare idee che cambiano il futuro. Futuro inteso come rottura radicale di una discontinuità con il presente e la creazione di nuovi processi.

Leggi i riassunti | Leggi tutti gli indici


02. Perché cambiare il futuro ora?

All’interno del libro riporto le sei ragioni principali per cui quello che stiamo vivendo è un momento straordinario per cambiare l’idea di futuro con cui siamo cresciuti (e che ora non c’è più):


La crisi finanziaria

che sta cambiando i modelli di riferimento del capitalismo a livello globale e il conseguente superamento dei trade-off e degli schemi che hanno caratterizzato il secolo passato.


La globalizzazione

che si sta evolvendo verso un paradigma non più unidirezionale (i Paesi sviluppati e le grandi multinazionali dettano le leggi del mercato mondiale) ma pluridirezionale.


Le nuove tecnologie

che hanno creato nuove opportunità di lavoro e di apprendimento e diffusione della conoscenza, il cui accesso è sempre corrisposto a un passaggio chiave dell’evoluzione dell’essere umano.


Le micro reti

di consumatori pro-attivi e la sistematizzazione della fiducia globale tra le persone.


L’impatto ambientale

e la crescita della popolazione mondiale (nel 2060 saremo 10 miliardi di persone, molte delle quali energivore) il che può portare solo a tre possibili scenari: tornare indietro e cambiare il nostro stile di vita, trovare nuove risorse energetiche sostenibili oppure guardare verso nuovi pianeti.


La fine del lavoro

la fine della «ciotola di ferro per il riso», del posto di lavoro fisso e il conseguente dinamismo professionale in ogni settore, sia in termini aziendali (carriera) sia in termini professionali (approccio imprenditoriale).


03. Come sviluppare idee che cambiano il futuro?

La domanda da farsi oggi non è quale lavoro troverò ma quale lavoro mi inventerò. E le ispirazioni per inventarlo possono essere ovunque. Nel mio libro ho raccolto le storie di chi, grazie alla propria sete di stelle e alla propria creatività, è riuscito a cambiare il futuro. Partendo da queste ispirazioni ho tracciato un metodo in sei fasi per sviluppare idee che cambiano il futuro:


01, B.o.a.t.s.

L’assenza dell’essenza genera degenerazione e avere una storia vera è l’essenza alla base di qualsiasi idea di successo. Un’idea unica che contenga al suo interno le tredici caratteristiche riassunte nell’acronimo B.E.S.T.O.F.A.L.L.T.I.M.E., così da coinvolgere le persone e mutare nel tempo senza perdere la propria essenza.


02, Mare & Onde

Lavoriamo sul contesto che meglio valorizza la nostra idea. Cavalchiamo l’onda dell’immaginario senza tradirne la promessa. Cambia il contesto. Cambia il valore. Non ci si può abituare al cambiamento ma ci si deve appassionare al cambiamento senza mai perdere la capacità di stupirsi e di cogliere lo straordinario nell’ordinario.


03, Vento

Un’impresa non è solo espressione dei soldi che fa ma anche delle persone che la fanno. Serve Hegel. Serve Lemmy. E serve quell’entusiasmo che ci fa dire “Si – Può – Fare”. Il lavoro non è qualcosa che possiamo trovare o perdere ma che ci dobbiamo inventare. Siamo metodici e dinamici. Chiudiamo una porta, ne apriamo un’altra.


04, Acqua & Scogli

Puntiamo sulle idee e sulla creatività piuttosto che sui budget e sulla liquidità. Lavoriamo su network, credito e reputazione. Prendiamoci il nostro tempo, il sistema del tutto e subito non esiste. Facciamo nostra la fatica d’immaginare un futuro che sia espressione di quello che vogliamo e non di quello che abbiamo creduto di volere. Siamo l’inizio non la fine.


05, Porto

Gettiamoci nell’esecuzione, realizziamo la nostra idea e confrontiamoci con l’ambiente esterno per testarne la validità. Connettiamo i punti. E ascoltiamo i nostri interlocutori. Senza dimenticare la nostra responsabilità. Sia come produttori sostenibili. Sia come consumatori consapevoli.


06, Stelle

Puntiamo alle stelle. Perché essere un Ravel di seconda classe quando possiamo essere un Gershwin di prima? Creiamoci la nostra scatola. Ricerchiamo l’arte ovunque, anche se questo ci riempirà la testa di punti di domanda. Andiamo oltre la nostalgia di un futuro passato, oltre l’errore e i trade-off per dare senso al caos, creare nuovi modelli e far fiorire il cielo.


04. Per chi è questo libro?

Artigiani, creativi, artisti, musicisti, stilisti, manager, scrittori, filosofi, imprenditori o non-imprenditori. Il percorso per sviluppare un’idea è unico come unica è l’identità di chi l’ha concepita. E il mondo ha bisogno di unicità.


05. Di cosa è fatto questo libro?

Il libro fonde insieme Musica (Lemmy Kilmister, Springsteen, Sex Pistols…), Arte (Duchamp, Banksy, Damien Hirst…), Imprenditoria (Airbnb, Virgin, Olivetti…), Storie (Rivoluzione Francese, Guerra dei Tre Regni, il 1977), Filosofia (Nietzsche, Žižek, Bauman…), Cinema e Letteratura (Pasolini, Pascoli, Bradbury…).


Estratti

L’assenza dell’essenza genera degenerazione ed essere basati su una storia vera è l’essenza alla base di qualsiasi idea di successo.

Dobbiamo cogliere lo straordinario nell’ordinario (e non viceversa).

Non ci dobbiamo abituare al cambiamento ma appassionare al cambiamento.

Il destino, nostro e del mondo, dipende da chi lo fa, non da cosa lo fa.

La domanda da farci oggi non è quale lavoro farò, ma quale lavoro m’inventerò.

Puntiamo più sulle idee e sulla creatività che sui budget e sulla liquidità.

Solo i vincenti possono permettersi di perdere.

Un’impresa non è soltanto espressione del profitto che fa, ma anche delle persone che la fanno.

Facciamo nostra la fatica d’immaginare un futuro nostro.

Leggi altri estratti.

L’autore

Jacopo-Perfetti-WEB
Jacopo Perfetti
Laurea umanistica e MBA. Crede nella meraviglia delle idee, si diverte a lanciare iniziative imprenditoriali e collabora con SDA Bocconi School of Management. Nell’ambito del marketing e della comunicazione, ha lavorato come consulente creativo per alcuni tra i principali marchi italiani. Cura, ricerca e produce artisti, cataloghi d’arte e progetti culturali con il fine di portare l’arte a tutti perché tutti hanno il diritto di viverla. Fai Fiorire il Cielo, già tradotto all’estero, è il suo primo libro.

www.jacopoperfetti.com @jacopoperfetti